Millennials: i nuovi investitori

I futuri investitori, coloro che calcheranno la scena dei mercati finanziari nel futuro prossimo sono i cosiddetti Millennials. Una generazione molto variegata attivissima, attenta a livello sociale e ambientale, con bisogni diversi dalle generazione precedenti e modalità di fruizione di beni e liquidità ben diverse, anche in questo caso, dai loro predecessori.

Vediamo insieme, chi sono i Millennials
Viene chiamata generazione Millennials quella che comprende i nati tra i primi anni Ottanta e la metà degli anni Novanta, giovani che hanno tra i 25 e 40 anni. La cosiddetta Generazione Y compresa tra il 1981 ed il 1996.

Giovani che stanno facendo proprio ora il loro ingresso nel mondo del lavoro, professionisti che stanno dando inizio alla loro carriera o che ne stanno scalando le vette, adulti alle prese con contratti di lavoro stabili o precari. I Millennials sono una generazione molto variegata dal punto di vista lavorativo ma con caratteristiche comuni come: 

  • il livello di istruzione, generalmente più alto delle generazioni precedenti,

  • un’elevata propensione all’utilizzo di strumenti digitali,

  • un’attenzione spiccata verso le tematiche sociali e ambientali.

Questi sono lavorativamente parlando i Millennials. Da questa fotografia della generazione Millennials ci sono sorte spontanee alcune domande:

  • Come i Millennials varieranno le abitudini di risparmio e investimento?

  • In che modo i Millennials agiranno nel mondo della finanza e come lo cambieranno? 

Il mondo della finanza si sta interrogando proprio su questi punti.

L’effetto dei Millennials nella finanza è ancora tutto da scoprire, si possono abbozzare delle previsioni per il futuro. Le loro preferenze per i servizi di investimento, infatti, potrebbero essere molto diverse rispetto alle generazioni precedenti.

Tecnologia, servizi su misura digitali e impegno sociale saranno i capisaldi centrali per l’aspetto finanziario.

Nell’Italia che invecchia i Millennials sono una minoranza rispetto ad adulti e anziani. A differenza degli Usa, dove invece questa generazione rappresenta una fetta importante della demografia del Paese. 

I Millennials sono sicuramente più lenti rispetto alle generazioni precedenti a diventare indipendenti; dal punto di vista finanziario sono infatti molti i giovani che ricevono, almeno inizialmente, sostegno finanziario da parte dei propri genitori.

Anche se il rapporto tra i mercati finanziari e i Millennials non è molto saldo e stretto, i giovani dovrebbero iniziare già da ora a investire e interessarsi.

Non dimentichiamo che stiamo parlando di una generazione la cui età pensionabile si allunga sempre di più. Questo fa si che la gestione della ricchezza nel corso della vita stessa diventi sempre più importante.

Per i mercati finanziari, la nuova generazione è considerata molto importante per iniziare ad investire consapevolmente la liquidità con il vantaggio di poter sfruttare il potenziale dei guadagni sul lungo termine.

Investire fa parte del percorso di crescita personale di ognuno e va in parallelo con le disponibilità finanziarie, quindi è soltanto una questione di tempo prima che anche i Millennials si interessino al mercato azionario. 

Con gli alti tassi di disoccupazione, soprattutto tra i giovani, non sono molti i Millennials con la disponibilità economica sufficiente per avere una somma mensile o anche annuale da investire. Il vantaggio dei Millennials però è quello di avere grandi capacità e corrette conoscenze a disposizione per un buono approccio ai mercati finanziari.

È utile iniziare presto a risparmiare, un domani sicuro e sereno inizia già da oggi.

Eppure i giovani sembrano essere una generazione ancora pressoché invisibile per quanto riguarda i mercati finanziari. 

Il motivo di questo generale disinteresse è molto semplice: molti giovani non hanno risparmi da parte, spesso non hanno un lavoro stabile e non sono ancora economicamente indipendenti.

Oggi, del resto, il mondo è molto diverso rispetto a quello in cui ha vissuto chi li ha preceduti.

Complice la crisi, un mercato del lavoro molto più dinamico, una mentalità diversa, le principali tappe della vita sono posticipate: dal momento in cui si smette di studiare a quello in cui si entra in modo stabile nel mondo del lavoro, fino alla decisione di andare a vivere da soli o di mettere su famiglia. Tutto avviene con tempistiche diverse rispetto alle generazioni antecedenti.

Ma non è solo la mancanza di risparmi e la diversa gestione della vita a portare questa distanza tra Millennials e mercati finanziari. Molti sono diffidenti, hanno paura, ma questo scetticismo nei confronti degli investimenti può essere però eliminato con una corretta educazione finanziaria.

Il passaggio del testimone indubbiamente, prima o poi, avverrà complice anche il  passaggio generazionale che porterà, fra non molti anni, nelle mani dei Millennials gran parte del risparmio italiano.

Ricordiamo inoltre che stiamo parlando di una generazione iper-tecnologica, costantemente connessa, attenta e focalizzata sui propri obiettivi, che rappresenta il 50% della forza lavoro del mondo.

Per aiutarli è fondamentale capire le loro preferenze, come valutano il mondo del risparmio, degli investimenti e quali canali informativi utilizzano. 

Quali sono le preferenze dei Millennials in materia di investimento?
Secondo recenti sondaggi, i Millennials cercano per i propri investimenti una soluzione ibrida caratterizzata da un mix tra consulenza umana e tecnologia senza rinunciare quindi all'intervento del consulente finanziario per le decisioni di investimento più importanti e con l’obiettivo di avere un impatto positivo in termini di sostenibilità globale.

I Millennials e gli investimenti socialmente responsabili
I Millennials sono la generazione più coinvolta di sempre nei cosiddetti “investimenti socialmente responsabili” (SRI) molto sensibili a temi quali la responsabilità sociale e ambientale, pensando che le scelte economiche e finanziarie non possano essere disgiunte dai valori personali di ogni persona.

Fino a pochi anni fa il mondo finanziario era nettamente separato dal mondo del sociale e dell’impegno per l’ambiente. 

Oggi le cose stanno cambiando. Investire responsabilmente coniuga l’aspetto economico e quello sociale.

Per i Millennials è molto importante la sostenibilità ambientale e sociale degli investimenti. Le performances extra-finanziarie sono di primaria importanza e devono essere misurabili. 

Il motivo di questa crescente sensibilità è da ricondursi al periodo storico in cui la generazione Millennials è nata e cresciuta, apportando così un cambiamento negli stili di vita e contribuendo a stimolare le coscienze.

I Millennials sono la prima generazione che vive davvero gli effetti del cambiamento climatico e i disagi di un mercato del lavoro completamente stravolto rispetto al passato. 

Allocando il capitale nel modo più produttivo possibile e rispondendo a esigenze di lungo periodo, anziché puntare a guadagni di breve termine, gli investitori contribuiscono a gestire le maggiori problematiche dell’era attuale e di quelle future.

L’investimento responsabile è ritenuto sempre più in misura crescente una componente essenziale della filosofia d’investimento.

Investire ESG significa sempre più controllare i rischi associati ai propri investimenti, per cui temi ambientali, sociali e di governance stanno assumendo un ruolo crescente nelle decisioni d’investimento.

Il passaggio generazionale

Nei prossimi decenni i Millennials sono i destinatari di un ingente trasferimento di ricchezze, aspetto che interesserà anche il tema del passaggio generazionale.
La gestione del passaggio generazionale dev’essere intesa come un qualcosa di graduale, accurata da sistemare nel tempo.

Pianificare e tutelare il patrimonio familiare in vista del passaggio generazionale è una cosa che deve riguardare l’immediato futuro dei Millennials i quali dovrebbero, insieme alla propria famiglia e all’aiuto di un consulente finanziario, valutare le migliori soluzioni disponibili in base anche agli obiettivi personali e familiari.

E tu di quale generazione fai parte?

È necessario creare un ponte stabile tra i giovani e le generazioni precedenti per generare nuovo valore. 

Iniziamo a valutare insieme come poter costruire le migliori opportunità per il futuro.

Dove puoi trovarmi

Qui troverai tutte le informazioni per contattarmi

Contatti

Giuliana Salvucci

Via Pergolesi, 45
63821 - Porto Sant'Elpidio
Seguimi

Per una prima consulenza, scrivimi!